Nati e cresciuti nel profondo sud della Sicilia, nella provincia di Agrigento, i Feyra sono una delle realtà musicali di maggiore spicco del panorama siciliano e italiano. Così come la Sicilia è stata terra di conquista e incontro di culture, la musica dei Feyra è una fusione di sonorità dal sapore latino, ska, reggae e pop; un sound unico e riconoscibile che prescinde dal genere musicale suonato.

I Feyra nascono ad Agrigento come “Siciliano Sono” nel 2009 e dopo essersi affermati nei club in giro per la Sicilia nel 2012 pubblicano il loro primo album “Siroko” (Scirocco) che, in piena linea con l’originario nome della band, rappresenta il biglietto da visita al grande pubblico e premessa del vero debutto discografico. Ben presto grazie al successo di brani come “Di neve non ne cade mai”, “Scappa scappa” e “Canto” si affermano nei club più famosi dell’isola.

Nel 2016 pubblicano il secondo progetto discografico “Mundo Malo” missato e masterizzato a Città del Messico da Taño Aneiro, tecnico messicano che vanta collaborazioni internazionali tra le quali “Buena Vista Social Club”. “Mundo Malo”, contenente undici tracce delle quali quattro in lingua spagnola, è figlio di una visione fuori dai confini nazionali, una direzione globalista e un concept album con uno sfondo sociale dal gusto sarcastico e al contempo leggero.

Con questo lavoro discografico, che vanta anche la collaborazione di Giovanni Buzzurro celebre bassista della cantante messicana Lila Downs, si delineano i nuovi impulsi che iniziano a farsi strada all’interno del sound dei Feyra rappresentando una decisa maturazione nello stile musicale e nei testi. L’album desta immediatamente un grande interesse da parte di pubblico e critica e contiene alcuni dei brani divenuti presto veri e propri cavalli di battaglia (Mundo Malo, Come Nacquero le corna, Balla, Giufà ).

Il 2017 è un anno ricco di soddisfazioni per la band: a marzo è la volta di “Esperanza” un brano prevalentemente acustico, una rumba dalla melodia malinconica che accompagna il racconto di una storia d’amore spezzata dalle recenti tragedie tra neve e terremoti di Rigopiano. A novembre dello stesso anno pubblicano “Mala Politika”. Entrambi i singoli non hanno particolari pretese ma sono frutto di un percorso emozionale e di una visione globale dell’Italia di quel periodo.

Simultaneamente iniziano a lavorare ad uno show energico, inusuale, creato in collaborazione con Adrià Salas Viñallonga frontman della band catalana de “La Pegatina”. Grazie anche alla successiva e fortunata tournée “Fiesta Total” ne hanno esaltato la potente anima live. Nel giugno 2018 esce “On the road”, un progetto itinerante con una serie di performance live rigorosamente in acustico che ha toccato alcuni dei luoghi più rappresentativi della Sicilia.

Nel maggio del 2019, a testimonianza dell’incredibile successo del progetto, la svolta artistica della band si fissa nel cambio del nome in “Feyra”. Una scelta quasi naturale, ma necessaria, per chiarire quel dubbio che accostava erroneamente il nome “Siciliano Sono” alla musica folk. Con tale scelta, volta a comunicare l’evoluzione e l’identità musicale acquisita in dieci anni di carriera, i Feyra annunciano l’uscita di un nuovo album d’inediti ricco di ospiti internazionali quali “Che Sudaka”, band catalana internazionale con collaborazioni del calibro di “Manu-Chao” e “Olinka” cantante, attrice e compositrice della scena reggae messicana.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

X